Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Piccolo Mondo Antico 15.jpg


CAPITOLO II.


La Sonata del chiaro di luna

e delle nuvole.


Il sole calava dietro al ciglio del monte Brè e l’ombra oscurava rapidamente la costa precipitosa e le case di Oria, imprimeva, violacea e cupa, il profilo del monte sul verde luminoso delle onde che correvano oblique a ponente, grandi ancora ma senza spuma, nella breva stanca. Casa Ribera si era oscurata l’ultima. Addossata ai ripidi vigneti della montagna, sparsi d’ulivi, essa cavalca la viottola che costeggia il lago, e pianta nell’onda viva una fronte modesta, fiancheggiata a ponente, verso il villaggio, da un giardinetto pensile a due ripiani, a levante, verso la chiesa, da una piccola terrazza gittata su pilastri che inquadrano un pezzo di sagrato. Entra in quella fronte una piccola darsena dove allora si dondolava, fra lo schiamazzar del-