Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la sonata del chiaro di luna, ecc. 161

vole interesse alla vita, una dignità di onesta vecchiaia. Così un’accozzaglia di vocaboli disusati potrebbe oggi comporsi, nel soffio d’un attempato poeta conservatore, a rifletterne la serena ed elegante senilità. Sotto il regime matematico e burocratico dello zio Piero, seggiole e seggioloni, tavole e tavolini avevano vissuto in perfetta simmetria e il privilegio della inamovibilità era stato accordato persino agli stoini. Il nome di «mobile» non lo aveva meritato che un cuscino grigio e celeste, un aborto di materasso, che l’ingegnere durante i suoi brevi soggiorni a Oria si portava con sè quando mutava seggiolone. Assente lui, il custode rispettava tanto le suppellettili da non osar di toccarne confidenzialmente, di spolverarne le parti meno visibili. Ciò faceva andar sulle furie la governante, regolarmente, ad ogni ritorno in Valsolda. Il padrone, irritato che per un po’ di polvere si gridasse tanto contro un povero diavolo di contadino, se la pigliava con lei e le suggeriva di spolverare ella stessa; e quando la donna scattò a domandargli, in via di sdegnosa replica, se dovesse ammazzarsi a spolverare tutta la casa ogni volta che veniva, le rispose bonariamente: «mazzèv ona volta sola ch’el sarà assèe.»

Egli abbandonava poi del tutto al capriccio del custode la coltivazione del giardinetto come quella di un orto che possedeva a levante del sagrato, in riva al lago. Solo una volta, due anni prima del matrimonio di Luisa, arrivando a Oria in prin-