Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/272

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 parte ii - capitolo vi

lei non sfuggì a Franco. Ne fu turbato, si sentì scosso nel suo proposito ed ella intese, ripeté impetuosamente «sì, sì» e lo spinse verso il Gilardoni.

«Caro amico» diss’egli «Le debbo dir una cosa.»

Il professore, assorto nella contemplazione del fuoco, non rispondeva. Franco gli posò una mano sulla spalla. «Ah!» fece quegli trasalendo. «Scusi. Che cosa?»

«Le debbo raccomandare qualcuno.»

«A me? Chi?»

«Un vecchio, una signora e una bambina.»

I due uomini si guardarono in silenzio, uno commosso, l’altro stupefatto.

«Non capisce?» sussurrò Luisa.

No, non capiva, non rispondeva.

«Le raccomando» riprese Franco «mia moglie, mia figlia e il nostro vecchio zio.»

«Oh!» esclamò il professore, guardando ora Luisa ora Franco.

«Vado via» disse questi con un sorriso che fece doler il cuore al Gilardoni. «Allo zio non l’abbiamo ancora detto ma è cosa necessaria. Nelle nostre condizioni non posso star qui a far niente. Dirò che vado a Milano, crederà chi vorrà; invece sarò in Piemonte.»

Gilardoni giunse le mani silenziosamente, sbalordito. Luisa abbracciò Franco, lo baciò, gli tenne il capo sul petto, ad occhi chiusi. Il professore