Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/491

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il savio parla 487

carle volontariamente un’afflizione. Luisa non rispose ma il professore durò fatica a impedire che gli baciasse la mano. Mentre egli collocava in mezzo alla stanza il tavolino e le due sedie, ella sedette sulla poltrona, come oppressa.

«Ecco» fece il professore.

Luisa si levò di tasca e gli tese una lettera.

«Ho tanto bisogno di Maria e di Lei, stasera!», diss’ella. «Legga, è di Franco. Può cominciare dalla quarta pagina. Il professore non intese queste ultime parole, si accostò al lume e lesse ad alta voce:


Torino, 18 febbraio 1859.


«Luisa mia,


«Sai che non mi hai scritto da quindici giorni?»

«Questo lo può saltare», interruppe Luisa, ma poi si corresse. «No, legga pure, è meglio.» Il professore continuò:

Ecco la terza lettera che io ti mando dopo ricevuta la tua del 6. Sono stato forse, nella prima, troppo vivace e ti ho ferita. Benedetto temperamento il mio, che non solo mi fa dire parole troppo vivaci quando il sangue mi si riscalda, ma me le fa anche scrivere! E benedetto sangue che a trentadue anni suonati si riscalda come a ventidue! Perdonami Luisa, e permettimi di ritornare sull’argomento onde riprendermi quelle parole che hanno potuto offenderti.