Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/501

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il savio parla 497

l’organo. Era entrato. Appena detta una preghiera, il pensiero dominante lo aveva ripreso, il suono dell’organo gli si era trasformato in un fragore di trombe, di tamburi e d’armi e mentre un canto di pace si levava sull’altare a lui era parso caricar con furore il nemico. A un tratto si vide in mente l’immagine di Luisa vestita a lutto, pallida. Si mise a pensare a lei, a pregare per lei con fervore intenso.

Allora là sul sagrato di Oria ella sentì un freddo, un’uggia, un mancar della tentazione. Volle richiamarla e non potè. L’acqua ridiscendeva. Una voce intima le disse: e se il professore si è ingannato? Se non è vero che il tavolino abbia risposto prima di si e poi di no? Se non è vero di questi spiriti menzogneri? Si tolse dal parapetto e sali, a passi lenti, in casa.

Trovò lo zio in cucina, seduto sotto la cappa del camino, con le molle in mano e col bicchiere di latte accanto. La Cia e la Leu cucinavano.

«Dunque» disse lo zio «sono andato alla Ricevitoria. Il Ricevitore è a letto con l’itterizia, ma ho parlato col Sedentario.»

«Di che cosa, zio?»

«Di Lugano, della tua andata a Lugano il 25. Mi ha detto che chiuderà un occhio e che passerai.»

Luisa tacque, stette a guardar il fuoco meditabonda. Poi diede certi ordini alla Leu per l’indomani e pregò lo zio di venire in salotto con lei.