Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/253

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il caffè del commendatore. 231

Giuseppe, turbato del turbamento di lei, s’imbarazzò, non sapeva che dire. Ella era forte, tanto forte che molti la credevano poco sensibile, ma ora che aveva aperto il cuore a don Giuseppe come a nessuno mai, la sua forza, fatta in gran parte di silenzio, era venuta meno. Vide a due passi, fra i pioppi, alcuni sedili.

“S’el permete„, diss’ella con voce soffocata, “qua xe belo„.

E sedette. Don Giuseppe le sedette accanto e il suo smarrimento, la sua inquietudine, il suo timore di peggio dovettero apparir tanto che la marchesa gli disse con uno sforzo: “Gnente, salo, don Giuseppe„.

Poco a poco la innocente pace del verde e delle acque solitarie, i sussurri miti degli alberi chetarono l’afflitta come in una casa ov’entrò la sventura, inconscia festività di bambini talvolta cheta, poco a poco, un amaro pianto.

“Ecco„, diss’ella, asciugandosi gli occhi con il fazzoletto. “Figurarme!„

Voleva dire che s’era commossa nell’immaginar l’Elisa in quel giardino. Don Giuseppe non capì e non cercò di capire. La pregò, un po’ a caso, ad aver cura della propria salute. “Ghe n’ò tanta!„ gli rispose; e soggiunse con insolita energia che non voleva morire, proprio no.