Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290 capitolo quinto.

Avida dei brevi, preziosi momenti di solitudine, non si sentiva più nella memoria quel che aveva detto Destemps della Maironi e l’altro racconto della pazza guarita, se non come ombre languide nello sfondo di un quadro che son vedute ma non richiamano l’occhio a sè. Il pensiero della lettera, il pensiero dell’incontro l’avevano ripresa con violenza e smarrì, affissandosi nel proprio interno, il senso delle cose esteriori e del tempo. L’improvviso rombo delle grandi campane del Santuario non la scosse ma le entrò nel cuore, vi fece vibrare un ricordo della lettera. Sospirò, tolse quella lettera e ne riprese la lettura.

“Nessuno mi aspettava, naturalmente. La casa era chiusa, dovetti mandare ad Albogasio, non c’eran candele e neppure acqua, ci volle del tempo non poco a prepararmi un caffè, una stanza per la notte e quando, finalmente, mi trovai solo col custode, verso le dieci, nella casa silenziosa, l’emozione del viaggio mi era passata, un po’ per la fatica, un po’ per la seccatura, interamente: anzi mi meravigliai, quasi mi dolsi, di trovarmi così freddo. Uscii sul terrazzino che fu costruito, secondo mi raccontò una vecchia del paese, certa Leu, da mio padre, e dove il mio povero zio Ribera, ‘el poer scior ingegner’ come qui lo chiamano ancora, morto prima ch’io venissi al mondo, soleva