Pagina:Piccolo Mondo Moderno (Fogazzaro).djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
438 capitolo settimo.

discutere nemmeno Santa Teresa; ma crede Lei che ve ne sieno ancora, santi? Ne dubito! Adesso vi è l’isterismo e vi è la manìa religiosa. Per me, quelli di stamattina erano atti di manìa religiosa; può darsi benissimo che restino sempre dentro certi limiti di tempo e di misura, ma può anche darsi che progrediscano.

E adesso Lei capisce la ragione del mio discorso. Credo proprio di aver compiuto un dovere„.

“Eh!„ fece don Giuseppe, tristemente, a capo chino, come persona che in materia grave non ha nè può avere la certezza desiderata, ma inclinerebbe a un’opinione diversa da quella che lo fa pensoso: “Grazie„.

L’altro prese congedo.


IX.


Finito di recitare il rosario col marito, consigliatogli di prender sonno se poteva, accomodatogli il suo scialle sulle ginocchia, la povera vecchia marchesa si rincantuccia in un angolo della vettura chiusa e prega tuttavia. Prega per l’Elisa benchè non dubiti che sia in paradiso; e prega perchè Piero non s’inganni, perchè maturi una risoluzione