Pagina:Piceno Annonario ossia Gallia Senonia illustrata Antonio Brandimarte 1825.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86

ce mirare. Simili antichità sono state ritrovate più volte in diversi tempi.

Dalle lapidi si rileva, che al municipio di Attidio non mancò il diritto di dare il suffragio ne’ Romani comizj, e che lo conseguì come Tufico, e le altre Città colla legge chiamata Giulia. Lucio Giulio Cesare l’anno di Roma 663 diede il diritto di Cittadinanza a tutte quelle Città, che erano rimaste fedeli ardendo la guerra Italica. Terminata quella fu estesa colla legge Plozia l’anno 665, o 666 di Roma a tutti gli Italiani, ed anche a que’ forastieri, che secondo Cicerone (pro Archia): foederatis civitatibus adscripti fuissent, si tum quum lex ferebatur in Italia domicilium habuissent, et si sexaginta diebus apud Praetorem essent professi. I Sanniti, ed i Lucani, che furono gli ultimi a deporre le armi, l’ebbero l’anno 6701. Veggasi l’Einnecio, che di ciò parla2. La Tribù Lemonia fu quella, a cui appartenne Attidio, e di ciò ci convincono le lapidi, che riporterò. Fu questa una delle tribù rustiche, e detta Lemonia dalla Villa Lemonia, che era pochi passi distante da Roma lungo la via Latina, e fu una delle più antiche dopo la Romilia. Vengo alle lapidi. Riportai di sopra la lapide eretta a L. Musetio che non solo appartiene a Tufico, ma anche ad Attidio. Niuna esiste, che ci ricordi le divinità, che adoravano gli Attidiesi, e che ci ricordi i Sacerdoti. Forse la seguente rammenta un seviro Augustale.

C . VIDIO . L . FIL
AELIANO . VI . VIRO
ILARIVS L . FIL . LEM
CLEMENS. R. T
VIDIA C . F . SABINA
PATRI . ET
C . VIDIVS . . . . FR.


Sembra, che la seguente ricordi un Sodalis Titius, e che in Attidio vi fu il collegio de’ sacerdoti Tiziali.


  1. Hor. Epit. Liv. 84.
  2. Lib. 1. Append. c. 1. §. 9.