Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 146 —

— Ma come! — osservò Marta. — La Flori, trasferita?

— Traslocata, sissignora! Fortuna, le dico, per le povere ragazze.... Che pittima!

— Con l’anno scolastico già cominciato?... — osservò Marta, non sapendo che pensare.

— Il Torchiara, forse.... — sfuggì alla signora Agata.

E riferì alla figlia la visita fatta di nascosto all’ispettore scolastico.

Poco dopo, mentre si vestiva per recarsi al Collegio, passata la prima commozione, Marta intuì a chi doveva quella nomina tardiva: n’ebbe una scossa, e sentì mancarsi a un tratto la forza d’aggangiare il busto alla vita.

Ricominciò la guerra fin dal primo giorno di scuola.

Già le altre maestre del Collegio, oneste e brutte zitellone, se la recarono subito a dispetto. Gesù, Gesù! un breve saluto, la mattina, con le labbra strette, e via; un lento e sostenuto cenno del capo, ed era anche troppo! Un’onta per la classe delle insegnanti! un’onta per l’Istituto! Il mondo, sì, intrigo: per riuscire, mani e piedi! ma onestamente, oh! anzi, onoratamente....

E, sotto sotto, contentavano con acre invida malignità il modo con cui il direttore e gli altri professori del Collegio fin dal primo giorno si