Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




I.


Una gaja casetta in via del Papireto, all’ultimo piano, ariosa: quattro lucide stanzette, col pavimento di mattoni di Valenza, con carta da parato un po’ sbiadita, sì, ma senza strappi e di tinta gentile. La meno angusta sarebbe servita per la signora Agata e per Maria, che dormivano insieme; quella attigua, per Marta; da letto e da studio: vi si sarebbe adattata volentieri in grazia del balcone che dava su la via del Papireto; le altre due, sala da pranzo e salotto, da metter su per bene col tempo. Delizia della casa, un terrazzo, la cui balaustrata a pilastrini pareva, a guardarla dalla via, una corona che cingesse l’edifìcio. Quanti fiori vi avrebbe coltivati Maria!

Marta aveva trovato questa casa, quasi guidata da un lontano ricordo. Il padre, nel con-