Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 170 —

dola cecamente e precipitando la famiglia nella miseria.

L’unica passione di Maria pareva la musica? Ebbene: un pianoforte a Maria, quasi nuovo, da pagare a un tanto al mese. Tener nella piccola dispensa le derrate per tutto un mese contribuiva a rendere più quieta e paga la madre? Ebbene, contenta anche la madre; e la piccola dispensa era sempre ben provvista.

Don Fifo Juè e la moglie salivano qualche sera a tener compagnia alle tre donne, e il defunto Dorò continuava a far le spese della conversazione.

Per loro mezzo Marta seppe che la signora Fana, la moglie del Pentàgora, viveva ancora nella più squallida miseria.

— Noi abbiamo una casa in via Benfratelli, signora mia, — disse una sera donna Maria Rosa, — e nell’ultimo piano, in due stanzette, abita una povera donna divisa dal marito. Il marito è un regnicolo delle loro parti.... Forse loro lo conosceranno.... si chiama.... di’, Fifo, ti rammenti?

— Fana: Stefana, — rispose Fifo spiccicandosi.

— No, dico lui, il marito....

— Ah, sì.... aspetta, Pentàgono!

Maria rise involontariamente.

— Pentàgora, — corresse la signora Agata, per scusare il riso della figlia.

— Lo conoscono?