Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 57 —

Bisognava far presto; poichè nessuno, finora, ci aveva pensato, a quel lavoro per il povero innocente che sarebbe venuto al mondo, in quelle condizioni. Ci aveva pensato, da lontano, un’amica d’altri tempi, con la quale la signora Agata, per ordine del marito, aveva rotto ogni relazione.

Si chiamava Anna Veronica, quest’amica. Quando la signora Agata la aveva conosciuta la prima volta, ella viveva insieme con la madre, al cui mantenimento era orgogliosa di provvedere, insegnando nelle scuole elementari. Molti giovani in quel tempo s’eran messi a corteggiarla, sperando di trarre in inganno l’appassionata natura di lei; ma Anna, che veramente si consumava dentro nell’attesa d’un uomo a cui ella avrebbe consacrato il più ardente e devoto amore, s’era saputa sempre difendere. Qualche mazzolino di fiori, lo scambio di qualche letterina, discorsi e sogni, fors’anche qualche bacio carpito; e basta poi.

Pure nell’insidia era caduta una volta, poco dopo la morte della madre, e vi era stata vilmente trascinata dal fratello d’una tra le sue più ricche amiche, in casa delle quali soleva spesso recarsi dopo le interminabili ore di scuola, sempre ben accetta, poichè ella le ajutava nei loro lavori di cucito, le rallegrava con le sue barzel-