Pagina:Pirandello - L'Esclusa, 1919.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 65 —

— Quando il bambinello verrà con la sua manina a battere a quell’uscio, chiamando Nonno! nonno! con l’odor del latte nella vocina, ah, voglio vedere se non aprirà! Aprirà.... E allora, figliuola mia, io non potrò più venire da voi, è vero; ma non importa! Io prego ogni sera il mio Gesù che vi faccia questa grazia.

Improvvisamente, barcollando, urlando, con le braccia levate, furibonda dagli spasimi e dalla paura, irruppe in quella stanza Marta, discinta, scarmigliata, inseguita dalla madre e dalle donne assistenti. Maria, Anna Veronica si levarono spaventate e le corsero dietro anch’esse. Marta andò a urtare contro l’uscio del padre e, battendovi con la testa e con le mani, chiamava, supplicava:

— Babbo! Apri, babbo! Non mi far morire così! Apri, babbo! Muojo, perdonami!

Le donne, piangendo, gridando, cercavano di strapparla di là. Il medico la prese per le braccia.

— Codeste son pazzie, signora! Via, via: il babbo verrà; si lasci condurre....

Le donne la circondarono, la tolsero quasi di peso, la trascinarono nella camera del travaglio.

Quivi la adagiarono sfinita su i guanciali.

Poco dopo, Maria, ch’era ritornata a origliare all’uscio del padre, entrò nella camera della sorella, con faccia stravolta, tutta tremante, a chia-

Pirandello. Esclusa. 5