Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il fiore 249

XXXVI

L’Amante.

     Quand’i’ udi’ Ragion che ’l su’ consiglio
mi dava buon e fin, sanza fallace,
dicendo di trovarmi accordo e pace
4con quella che m’avea messo ’n assiglio,
i’ le dissi: «Ragion, vecco ch’i’ piglio!
Ma non ch’i’ lasci il mi’ signor verace;
ched i’ son su’ fedel e sí mi piace
8tanto ch’i’ l’amo piú che padre figlio.
     Onde di ciò pensar non è mestero
né tra no’ due tenerne parlamento,
11ché non sarebbe fatto di leggero,
perciò ch’i’ falseria mi’ saramento.
Megli’ amo di Fortuna esser guerrero
14ched i’ a ciò avesse pensamento».

XXXVII

Ragione.

     — «Falsar tal saramento è san peccato,
poi ten ciascun, secondo Dicretale,
che, se l’uon giura di far alcun male,
4s’e’ se ne lascia, non è pergiurato.
Tu mi proposi che tu se’ giurato
a questo Dio, che t’ha condotto a tale
ch’ogne vivanda mangi sanza sale,
8sí fortemente t’ha dissavorato.
     E sí si fa chiamar il Die d’amore!
Ma chi cosí l’appella fa gran torto,
11ché su’ sornome dritto sí è Dolore.
Or ti parti da lui, o tu se’ morto,
né nol tener giá ma’ piú a signore,
14e prendi il buon consiglio ch’i’ t’apporto.»