Pagina:Poemi (Byron).djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il corsaro 77

CANTO TERZO.




I.

Lento declina, e più che mai rifulge
In sul confin di suo vïaggio, il Sole,
Lunghesso i colli di Morea, non mesto
Qual per Nordiche sfere, ma sereno
5Raggio di vita; lo tacito mare
D’oro cosparge, e sì che il verde flutto
Tremulo ne sfavilla; su lo scoglio
D’Egìna antico, della gioja il Nume,
E su l’isola d’Idra, il moribondo
10Sorriso versa, e morendo pur gode
Su i regni suoi brillar, ancor che sacre