Pagina:Poemi conviviali (1905).djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 l’ultimo viaggio

XVI


l’isola eea


     E con la luce rosea dell’aurora
s’avvide, ch’era l’isola di Circe.
E disse a Femio, al molto caro Aedo:
     Terpiade Femio, vieni a me compagno
con la tua cetra, ch’ella oda il tuo canto
mortale, e tu l’eterno inno ne apprenda.
     E disse ad Iro, dispensier del cibo:
Con gli altri presso il grigio mar tu resta,
e mangia e bevi, ch’ella non ti batta
con la sua verga, e n’abbi poi la ghianda
per cibo, e pianga, sgretolando il cibo,
con altra voce, o Iro non-più-Iro.
     Così diceva sorridendo, e mosse
col dolce Aedo, per le macchie e i boschi,
e vide il passo donde l’alto cervo
d’arboree corna era disceso a bere:
Ma non vide la casa alta di Circe.
     Or a lui disse il molto caro Aedo:
C’è addietro. Una tempesta è il desiderio,
ch’agli occhi è nube quando ai piedi è vento.
     Ma il luogo egli conobbe, ove gli occorse
il dio che salva, e riconobbe il poggio
donde strappò la buona erba, che nera
ha la radice, e come latte il fiore.
E non vide la casa alta di Circe.
     Or a lui disse il molto caro Aedo:
C’è innanzi. La vecchiezza è una gran calma,
che molto stanca, ma non molto avanza.
     E proseguì pei monti e per le valli,