Pagina:Poesie (Carducci).djvu/321

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

levia gravia 295


Lente cadon le braccia,
Il guardo le si vela,
E pia morte la faccia
De gli affamati suoi figli le cela.
Devoti essi a la livida
66Colpa ed al vorator morbo son già.

L’uomo, doman, che tolsela
Vergin bella e pudica,
Su ’l deforme cadavere
Darà un guardo tornando a la fatica
Usata. Ozio di piangere,
72Dritto d’amare il misero non ha.