Pagina:Poesie (Carducci).djvu/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
308 levia gravia


Ahi, la non degna sposa
Ch’odia di madre il nome
Stolta e crudele! Come
Talento reo la sprona,
174A danze si abbandona ― furïosa

E in tanto, o empia!, langue
Su mercenario petto
Il caro pargoletto,
E d’altrui baci impara
179Disconoscenza amara ― del suo sangue.

Ma, quando di restia
Vecchiezza il corpo offeso
Sente de gli anni il peso,
A lei non per soave
184Cura figlial men grave ― è l’età ria.

Muore; e non di sua prole
Il pianto e il bacio estremo
Non il vale supremo
La misera conforta:
189Questo natura porta ― ed il ciel vuole.

Ma tu piú saggia il fiore
D’ogni piacer ritrova
In questa cura nova.
Cosí nel bel disio
194Ti benedica Iddio ― t’arrida amore.