Pagina:Poesie (Carducci).djvu/375

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

levia gravia 349

voce dalle sale.


Mescete, or via mescete
La vendemmia che il Ren vecchia conserva
Di sue cento castella incoronato.
68Gorgogli con le liete
Spume a lo sguardo e giú nel sen ci ferva
Quel che il sol ne’ tuoi colli ha maturato
Cui ben Giovanna a l’Anglo un dí contese,
72O di vini e d’eroi Francia cortese.

Poi ne rapisca in giro
La turbinosa danza. Oh di pompose
E bionde e nere chiome ondeggiamenti;
76Oh infocato respiro
Che al tuo si mesce, o disvelate rose,
Oh accorti a fulminare occhi fuggenti;
Mentre per mille suoni a tempra insieme
80L’acuta voluttà sospira e geme!

Dolce sfiorar co ’l labro
Le accese guance, e stringer mano a mano
E del seno su ’l sen le vive nevi,
84E di sua sorte fabro
Ne l’orecchio deporre il caro arcano
De le sorrise parolette brevi,
E meditar cingendo il fianco a lei
88De l’espugnata forma indi i trofei.