Pagina:Poesie (Carducci).djvu/382

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
356 levia gravia


A l’ombra de’ tralci,
Cui ’l sol lieto ride,
L’ industria s’asside
16E la libertà.

O ver se fiorita
Ne gli orti d’Atene
Protesse le cene
20Del vecchio Platon,

O se lussureggia
Nel suolo ove ardito
Co ’l nero infinito
24Fu Vico in tenzon,

O dove tra i colli
De l’Arno giocondi
S’aprí de’ tre mondi
28La via spirital,

O se del suo succo
Piú puro e leggero
Scaldò di Voltero
32Il riso immortal,

Evviva la vigna
Che l’arti raccoglie,
Che il gelo discioglie
36Di barbare età!