Pagina:Poesie (Carducci).djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

juvenilia 41


XXVI.5

CANTO DI PRIMAVERA


Qual sovra la profonda
Pace del glauco pelago
Uscí Venere, e l’onda
Accese e l’aer e l’isole,
Quando al ciel le divine
6Luci alzò raccogliendo il molle crine;

Primavera beata
Su le pianure italiche
Sorride. Ogni creata
Cosa in vista rallegrasi:
Scherza con l’aura e il fiore
12E vola nel sereno etere Amore.