Pagina:Poesie (Carducci).djvu/713

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Note Rime Nuove2.png


NOTE





LXVIII, p. 667. verso ultimo. Chi non ricorda nell’atto III delle Femmes Savantes di G. B. Molière l’elegante Trissottin e il suo amico-inimico Vadius, due ritratti immortali dei letterati di consorteria e di cricca, e i loro amebei panegirici? Nei quali par di ascoltare e rileggere le lezioni, le recensioni, gli articoli, le citazioni o dedicatorie dei nostri professori, filosofi, storici, romanzieri, critici, rimatori e appendicisti officiali, grandi uomini tutti, come tutti sanno.

LXX, p. 671. Questo principio è imitato dal principio del xxxvii dei Petits poëmes en prose, intitolato Les bienfaits de la Lune di Carlo Baudelaire che incomincia cosí: “La lune, qui est le caprice même, regarda par la fenêtre pendant que tu dormais dans ton berceau, et se dit: — Cette enfant me plait„. Solo il principio: il resto va a conto mio.

LXXII, p. 676. A illustrare, come si dice e forse qui è proprio, questi versi, ecco il tratto d’un libro di Leopoldo Barboni, intit. Giosué Carducci e la Maremma (Livorno, Giusti, 1885), del qual libro vorrei dir bene se l’autore non dicesse