Pagina:Poesie (Carducci).djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

juvenilia 53


Ah no che sen piú candido
Endimïon non strinse
Quando notturna Venere
64La schiva dea gli scinse!

Io ardo. Amore infuria
Nel fulminato petto;
E corro, e guardo, ed Espero
68Gridando in cielo affretto.

Pietà, divino Apolline!
Spingi i destrier celesti,
Le inerti Ore sollecita;
72Ruina.... A che t’arresti?

E ancor rattieni il cocchio
In su l’estrema curva?
E ancor l’ancella undecima
76Lenta su ’l fren s’incurva?

Male io sperai te facile
Al suon di mie querele,
Sempre a gli amanti infausto,
80Sempre in amor crudele!

Clizia oceania vergine
Per te conversa in fiore
Ancor mutata sèrbati
84Il non mutato amore.