Pagina:Poesie (Carducci).djvu/884

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
858 odi barbare


ALLA REGINA D’ITALIA

xx nov. mdccclxxviii.


Onde venisti? Quali a noi secoli
sí mite e bella ti tramandarono?
fra i canti de’ sacri poeti
dove un giorno, o regina, ti vidi?4

Ne le ardue ròcche, quando tingeasi
a i latin soli la fulva e cerula
Germania, e cozzavan nel verso
nuovo l’armi tra lampi d’amore?8

Seguíano il cupo ritmo monotono
trascolorando le bionde vergini,
e al ciel co’ neri umidi occhi
impetravan mercé per la forza.12