Pagina:Poesie (Monti).djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO TERZO 87

     90Corse un lamento per la mesta Ardenna1.
Al lor primo apparir dier ratto il loco
     L’assetate del Tartaro caterve,
     Un grido alzando lamentoso e fioco.
Come fugge2 talor delle proterve
     95Mosche lo sciame che alla beva intento
     Sul vaso pastoral brulica e ferve,
Che al toccar della conca in un momento
     Levansi tutte, e quale alla muraglia,
     Qual si lancia alla mano e quale al mento:
100Tal si dilegua l’infernal ciurmaglia;
     Ed altri una pendente nuvoletta,
     D’ira sbuffando, a lacerar si scaglia;
Sovra il mar tremolante altri si getta,
     E sveglia le procelle; altri s’avvolve
     105Nel nembo genitor della saetta;
Si turbina3 taluno entro la polve,
     E tal altro col guizzo del baleno
     Fende la terra e in fumo si dissolve.
Dal sacro intanto orror del tempio uscièno
     110Di mezzo all’atterrate are4 deserte
     Due donne5 in atto d’amarezza pieno.
L’una velate e l’altra discoperte
     Le dive luci avea, ma di gran pianto
     D’ambo le gote si parean coverte.
115Era un vel bianco6 della prima il manto,
     Che parte cela e parte all’intelletto
     Rivela il corpo immaculato e santo.
Una veste inconsutile7 di schietto
     Color di fiamma l’altra si cingea,
     120Siccome il pellican8 piagata il petto.
E nella manca l’una e l’altra dea

93. alzando doloroso e fioco.

95. Mosche uno stuolo che


    narrato da Silio Italico nel libro III della Guerra Punica». Mt.

  1. Ardenna: «detta dai Latini Arduenna, è una selva che comincia all’estremità dei Vosges ed occupa un grande spazio della Sciampagna. Ai tempi di Cesare (giusta il testimonio di lui) stcndevasi per cinquecento e piú miglia di terreno». Mt.
  2. Come fugge ecc.: Similitudine, che deriva da un’altra omerica. Iliad. II, 614 (trad. M.): «Come lo sciame dell’impronte mosche, Che ronzano in april nella capanna, Quando di latte sgorgano le secchie. Chi...».
  3. Si turbina: s’avvolge a guisa di turbine.
  4. are: altari.
  5. Due donne: la Fede e la Carità.
  6. Il vel bianco, che significa la purezza della Fede, cela all’intelletto umano parte del corpo di essa, perché non tutte le verità dogmatiche sono manifeste e intelligibilì all’uomo.
  7. inconsutile: non cucita, com’era la veste di Cristo.
  8. il pellican: il pellicano, della classe de’ palmipedi, è simbolo della carità e anche dell’eucaristia, perché si credette erroneamente che si piagasse il petto a fine di nutrire del proprio sangue i suoi figli.