Pagina:Poesie (Monti).djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 IN MORTE DI UGO BASSVILLE

     Vendicator, che col ferro e col foco
     Insegua chi lo sparse: né veruno
Del delitto si goda, né sia loco
     Che lo ricovri: i flutti avversi ai flutti,
     270I monti ai monti, e l’armi all’armi invoco.
Il tradimento tradimento frutti:
     L’esiglio, il laccio, la prigion, la spada
     Tutti li perda e li disperda tutti.
E chi1 sitía piú sangue a per man cada
     275D’una virago, ed anima funèbre
     A dissetarsi in Acheronte vada.
E chi2, rïarso da superba febre,
     Del capo altrui si fea sgabello al soglio3
     Sul patibolo chiuda le palpèbre,
280E gli emunga il carnefice l’orgoglio:
     Né ciglio il pianga; né cor sia che, fuora
     Del suo tardi morir, senta cordoglio.
La veneranda dea parlava ancora;
     E già fuman le coppe, e a quei campioni
     285Il cherubico volto si scolora;
Pari a quel della luna, allor che proni
     Ruota i pallidi raggi e in giú la tira
     Il poter delle tessale canzoni4.
E l’occhio sotto l’elmo un terror spira,
     290Che buia e muta l’aria ne divenne,
     E tremò di quei sguardi e di quell’ira.
Dei quattro opposti venti in su le penne
     Tutti a un tempo fêr vela i cherubini,
     Ed ogni vento un cherubin sostenne.
295Già il sol lavava lagrimoso i crini5
     Nell’onde maure, e dal timon sciogliea
     Impauriti i corridor divini;

    tora litoribus contraria fluctibus undas Imprecor, arma armis.

  1. E chi ecc.: Allude a Gian Paolo Marat, nato di genitori calvinisti a Baudry nel principato di Neuf-châtel nel 1744, autore del famoso giornale L’amico del popolo e uno de’ piú feroci e ardenti giacobini nel periodo del Terrore. Fece parte, com’è noto, dell’infame Comitato di salute pubblica. Fu ucciso il 13 luglio 1793 dall’eroica fanciulla (virago: di sentimenti virili) Carlotta Corday, nata di nobile famiglia a Caen (Normandia) nel 1768. Venne condannata a morte, che sopportò con intrepidezza nel 17 dello stesso mese.
  2. E chi ecc.: Vuol dire Massimiliano Robespierre, nato nel 1759 da un avvocato di Arras, eletto nell’89 deputato del terzo stato all’Assemblea degli stati generali, e poi primo deputato di Parigi alla Convenzione nazionale. Idoleggiato dal popolaccio, iniziò nel 10 marzo del ’93 il regime del Terrore. Accusato poi di ambire la dittatura, fu, per opera specialmente del Tallien, dichiarato fuori della leggo e ghigliottinato il 27 luglio del ’94.
  3. al soglio: alla dittatura.
  4. Il poter ecc.: La Tessaglia fu sede famosa di arti magiche. Orazio (Ep. V, 45) dice che la maga Folia Ariminese sidera, excantata voce Thessala, Lunamque coelo deripit. Cfr. anche Tasso XVI, 37 ecc.
  5. lavava ecc.: tramontava. Cfr. la nota al v. 359 della