Pagina:Poesie greche.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 92 ―

Di due vittorie ha già Melisso il merto
     Ai ludi conseguite, onde ha diletto.
     Nell’istmie valli ottenne il primo serto,
     16L’altra dove il Leone erse il suo petto
Nella selvosa valle, ov’ei vincendo
     Co’ destrieri alla corsa ebbe la lode
     Dal banditor, che lo venia dicendo
     20Gloria di Tebe e sovra gli altri prodi.
Degli avi suoi l’ingenito valore
     Non avvien dunque che costui smentisca.
     Tebani, è noto qual dai carri onore
     24Cleonimo 1 mertò nell’età prisca.
Dai labdacidi quelli avean l’onore
     Di scendere per madre : a lor prodezza
     Fu il guidare quadrighe, e il lor sudore
     28Premer fe’ lor la via della ricchezza.
Ma il Tempo nel recar dei dì vicenda
     Gli eventi umani ha instabile mutati :
     Ma nulla mai dei Numi i figli offende,
     32Essi si stanno ognora invulnerati 2.


  1. Avo di Melisso discendente da Laio e da Edipo.
  2. Nesso dell’ode: ― Il felice, non superbo è lodevole: le virtú son da Giove: la saggezza fa durare, la malvagità distrugge la prosperità: gl’inni al prode, ma ai poeti una ricompensa. Melisso è prode, non degenere degli avi, ma è umile sapendo tutto, eccetto gli Dei, caduco.