Pagina:Poesie inedite di Silvio Pellico I.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 272 )

Gl’implacati di Carlo abborritori
     Quai tra’ mortali furo? I farisei!
     La più abbietta genìa di traditori!
     132Color che in ogni età sono i più rei!
     Color che della Chiesa ambìan gli onori,
     Poi core e mente ribellaro a lei!
     Que’ sacerdoti che fautor si fanno
     136Di sfrenatezza eretica e d’inganno!

Chi è quell’infelice maledetto
     Che porta in fronte i torvi occhi di Giuda,
     E come Giuda si percuote il petto,
     140Perchè più in rimirarlo altri s’illuda?
     Schiavo sempre viss’ei d’iniquo affetto?
     Di virtù l’alma ebb’egli sempre ignuda?
     O dopo aver d’amor di Dio avvampato,
     144Cadde e non sorse, ed a Satàn s’è dato?

Per quai sequele di misfatti orrende
     Scritte nel libro degli eterni guai,
     Dove cancellatrice più non scende
     148Del sangue di Gesù stilla giammai,
     Un mortifero bronzo oggi egli prende,
     E d’empia gioia brillano i suoi rai?
     A’ rei socii sorride, esce del chiostro,
     152E l’arme sotto il manto asconde il mostro.