Pagina:Poesie italiane.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

13

però parve, che l’Autor del secolo di Luigi il Grande, gli mettesse alquanto in grazia la Nazion tutta, come quello del Don Chisciotte l’avea reso amico degli Spagnuoli. Ma fece le più care delizie sue degli Antichi, di cui sempre inculcava l’imitazione, come di quelli che più alla perfezione s’avvicinarono, cogliendo in quel Bello, ch’è uno e invariabile, perchè invariabile ed una è quella base, su cui si fondano le regole vere, cioè la natura dell’uomo.

Né men, che la Letteratura, avea in pregio la Geometria degli Antichi, nelle dimostrazioni de’ quali la precisione e il rigore vanno a maraviglia del pari con la semplicità ed eleganza. Un inge-