Pagina:Poesie italiane.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

39

SOPRA LA FELICITÀ

al nobilissimo signor conte

carlo firmian


*

Quando alcun bene l’intelletto apprende,
La potenza, che vuole, e al bene aspira,
Tosto cupidamente in lui si gira,
4E tutta quanta a possederlo intende.

     Nè però quel di sè paga la rende;
Che nuovo bene appreso anco la tira,
Sì che sazia de l’un, l’altro desira;
E pur amore sovra amore accende.8

     Non è l’umano desiar che un moto,
Con cui dirizza l’alma a la sua meta
11L’eterno Arcier, che mai non scocca a voto.

     Allor, nè pria, sarà felice e lieta,
Che fia congiunta a lui, che solo immoto
14Fuor tutto move, e in sè tutto quieta.