Pagina:Poesie italiane.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

49

a sua eccellenza

daniele i. delfino

che lascia il reggimento di verona


*


Vanne, o Signor, colà dove ti chiama
L’alta regina de l’Adriaca Dori;
L’Adige altier ti segue, e a i salsi umori
4Con tutti i rivi di mischiarsi brama.

     Qual Prence attende a gloriosa fama,
Persegua il vizio, e la virtute onori;
Nè si creda aver lode in fra i migliori,
8Se chi è soggetto noi paventa et ama .

     Vanne felice; e la fida compagna
De le virtù, che a te fu scorta e duce,
11De la gran Diva a i piè siati compagna.

     Solo colei, che il bel coro conduce,
L’alma Concordia, qui tra noi rimagna.
14S’ella vien teco, chi la riconduce?