Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 poesie varie


E mentre andava, udì, presso, un vagito
40come d’infanti, piccolo e infinito.

Eran gli agnelli che sul vespro era uso
Abel dal prato ricondurre al chiuso.

Sostò Caino, e le sue mani folli
44s’abbandonarono... E le sentì molli,

le sentì calde... Le lambiva il cane
corso alle voci tremule e lontane;

il cane ch’ora precedea fedele
48Caino al piano ed ora al monte Abele.

E il primo pianto udì Caino: il primo:
pianto di tutto il cielo ch’è nel limo:

Caino udì la madre piangere... Heva
52su tutti due, su tutti due, piangeva!

Bologna, maggio del 1906.