Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
170 poesie varie

Ma Trigo aperse al prigionier ruscello
70un canaletto, in cui sgorgò, poi vispo
fuggì con tutto un tremolìo di risa.
E Trigo in tanto, memore dell’orto
futuro, in fila pioppi neri e bianchi
piantava, lungo il fossatello, e salci,
75per aver vinchi da legare ortaggi,
per aver rami da ramar legumi.
E il rio del pari ai due vicini amico
correva, ed ora scivolava al bozzo
ad impastare e sciabordar l’argilla
80mazzangherata, ora, più lieto, all’orto
ad aprir semi, a ravvivar germogli.
C’erano, su pei salci, le ranelle,
che deridean, con brevi grida, quelle
               lontane ignave rane.


v


85Imprese allora l’asino comune
a someggiare l’una e l’altra merce
sul molto sopportante unico dorso.
Al passo andava, tinnulo e fiorito,
e Trigo e Brigo gli veniano ai fianchi,
90lieti dell’alba e della via maestra.
Metteva or l’uno tra un boccal sonante
ed una brocca una ricciuta indivia,
poneva or l’altro un labile verzotto
dentro un orciuolo: chè per via s’aggiusta
95(or l’uno or l’altro ripetea) la soma.
Negava il terzo, ed allungava il passo.