Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 poesie varie

290Pendeano tutti, dai minori ai grandi,
immobilmente da quelli occhi austeri.
C’erano, immani, senza braccia, dogli
fatti per l’ombra del celliere, e grandi
anfore ansate da portare in capo,
295e buone al fuoco pentole, e laveggi
buoni alla fiamma, ed ampi orli di conche.
C’erano liscie pàtere, ed orciuoli
dal curvo becco, e snelli bricchi, e coppe
tonde, e sottili calici slanciati,
300teglie, alberelli per le gabbie, larghe
ciotole, a cui beva il fanciullo e il vecchio,
tremuli entrambi. A lui piacean quei vasi
perchè sinceri, e glorioso in cuore
dicea: Chi porta se non io, la creta?
305Ma torvo in altri egli vedea fioretti
fogline erbucce, che la pura argilla
gli avean macchiata, e nulla aggiunto al suono
del vaso, al suono che del vaso è il tutto.
Così sdegnava quel fiorir minuto
310l’asino; e grato invece alle fanciulle
era; e qual d’esse avea sulla finestra
un testo di viole o di gerani,
allor che i bocci erano belli aperti,
diceva in lode de’ natii suoi fiori,
               315che? che parean dipinti.


xiv


Allor, cadendo un dì d’april, che il cielo
sembrava nuovo, molle ancor di pioggia;