Pagina:Poesie varie (Pascoli).djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 poesie varie


i pastori guardando di sui monti,
e chi presso le tombe, onde una voce
56uscìa di culla, e chi presso le fonti,

onde un tumulto scaturìa di foce:
e un angelo era, con le braccia stese,
59tra loro, come un’alta esile croce,

bianca; e diceva: “Gioia con voi! Scese
Dio su la terra„. Ed a ciascuno il cuore
62sobbalzò verso il bianco angelo, e prese

via per vedere il Grande che non muore,
come l’agnello che pur va carponi;
65il Dio che vive tutto in sè, pastore

di taciturne castellazïoni.


iv


Mossero: e Betlehem, sotto l’osanna
de’ cieli ed il fiorir dell’infinito,
69dormiva. E videro, ecco, una capanna.

Ed ai pastori l’accennò col dito
un angelo: una stalla umile e nera,
72donde gemeva un filo di vagito.