Pagina:Poeti minori del Settecento I.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

48
Altre, che aprir novella via mi spronano
lá ’ve luce di ver fiammeggi e domini,
della prima Bellezza a me ragionano
gioia de’ numi, almo desio degli uomini;
altre l’incanto d’armonia risonano,
vaghe che suo cantor la dea me nomini,
la dea che ha un lauro su la cima aonide
non còlto ancora, se nol colse Armonide.
49
Poi come avvien, le forosette mungano
le vacche del soverchio peso querule,
cadendo l’ombre giá, che i monti allungano,
e le strade del ciel fatte piú cerule,
né piú lor dolci note in un congiungano
usignuoletti, rondinelle e merule,
strillando sol nelle deserte grottole
upupe meste e inauspicate nottole;
50
cheto i’ men torno all’ospital ricovero,
dove Fillide mia gradito apprestami
cibo senz’arte e di lautezza povero;
né stranio vin fumoso il capo infestami.
Care dolcezze, che non hanno novero,
la memoria del giorno al cor ridestami;
finché, legando le palpebre, a sciogliere
viemmi il sonno le membra, e i sensi a togliere.