Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 le selve

O con alto muggir sul tardo vespro835
Ritornano e tempestano le stalle;
Quando il porco i manipoli dell’erba,
Non per lui fatti, col grugno scompiglia,
E quando nel suo covo ulula il lupo,
E fiero, senza paventar, piùFonte/commento: norm. accosto840
All’uom si fa, come implorando, ed erra
Qua e là per le campagne coltivate.
Ciel, mare e terra, la natura in somma
Tutta l’agricoltor chiama a consiglio,
Ed al voler delle tutrici stelle,845
Caro ai numi, la sua vita uniforma,
E il presagito nella mente volge,
Con acume il futuro antivenendo.

Tali, o Superi, a me date la vita!
Che ognor poss’io di simili dolcezze850
Goder, bearmi in opere siffatte,




Aut lingunt adversa pilos, aut vespere sero
Mugitu ingenti redeunt caulasque fatigant;
Cum sibi non factos sus dissipat ore maniplos;
Cumque antro lupus exululat, cumque improbus idem
Nec metuens hominun propius consistit, et offert545
Se mendicanti similem ac loco culta pererrat.
Ergo in consilium maria advocat aethera terras
Naturamque omnem, vivitque auctoribus astris,
Cura deûm, agricola, atque animo praescita recenset,
Et rerum eventus sensu praesagit acuto.550
Hanc, o coelicolae magni, concedite vitam.
Sic mihi delicias, sic blandimenta laborum,