Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 le selve

Io canterò. Propizia alla fatica
Genïale sorrida ora la Musa,230
L’epica Musa, degli uman quïete,
E sempiterna voluttà de’ Numi.

Pei dòmi ignei dell’etera, pe’ cieli
Trapunti di fulgenti astri, nel soffio
Dell’aure, in terra e in mar Giove (sî come235
Vuolsi) diffuso, de’ pianeti erranti
Che vibran quasi cetera sonora,
Regge le fughe e ad impari intervalli
Ne volge il corso rapido, che spazio
Convenïente tuttavia distingue240
E limite prefisso. Onde piú grande5
Di quel che accoglier nostra mente possa
Sgorga una melodia, che in una fonde
Ritmica scala acute note e gravi.
E genïal Sirena è in ogni stella,245




Expediam. Faveat pulcro nunc Musa labori,
Musa quies hominum divûmque aeterna voluptas,145

Juppiter (ut perhibent), liquidi per et ignea mundi
Templa per et stellis radiantibus aethera fixum,
Aurarumque animas, sola terrae et caerula ponti
Dissitus, errantes citharae vice temperat orbes,
Ac rapidum imparibus cursum rotat intervallis,150
Quem rata pars tamen et certum confine diremit.
Hinc nostro major captu sonus exit, acutas
Compensas gravibus septem in discrimina voces;
Stellantesque globos sua quarque innoxia Siren