Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
192 le selve

Ed un altr’Ibi in simboli racchiude;
Or ci presenta lettere amatorie;
Ora, con voce di morente cigno,
Piange il suo tristo esilio; e le romane
Origini ricorda e i riti illustra;700
O ignoti al Lazio ancor pesci rivela;
O i firmamenti specula; o di varî
Epigrammi raccoglie insieme un libro;
E una tragedia pur cuce di versi
Virgilïani, ed i licenzïosi705
Vati, di cui pien oggi è dappertutto,
Dell’acuto suo pungolo trafigge,
Nulladimeno a sé molto indulgendo,
Poi che di fine ingegno inver donato,
Vago l’aspetto di quel carme estima710
Cui qualche neo, qua e là cosparso, macchia.
E già l’antico vate, Ennio, che mena28




Involvitque novum dubiis ambagibus Ibin;
Vel dat amatricum dictatas ore tabellas;
Vel miser exilium cycnaeo gutture deflet;
Temporaque et causas romani digerii anni;445
Vel memorat pisces et adhuc i[g]naraFonte/commento: Barbèra, 1867 Latinis
Nomina; vel coelo labentia computat astra;
Et replet astrictas diverso epigrammate chartas;
Consutum quoque syrma trahit; suspendit et unca
Nare malos (quorum nunc omnia plena) poëtas,450
Indulgens tamen usque sibi: nam praeditus acri
Nimirum ingenio, faciem putat esse decoram
Carminis, inspersus maculet quam denique naevus.
Jam senior triplici vates qui corde superbit,