Pagina:Poliziano - Le Selve, 1902.djvu/216

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 le selve

Soavissimo cigno, Ovidio nota,840
Onde non gravi su di lor l’oblio?
E Valgio Rufo che, sí come canta
Di Tibullo la pia, nitida Musa,37
Poté col plettro gareggiar d’Omero?
La Musa a cui, bene a ragion, sarebbe845
Nell’elegia toccato il vanto primo,
Se non avesse il lusinghier suo labro
Properzio sciolto, e nel certame resa
Dubbia la palma; all’amoroso carme
E Plania ed Ostia, sotto tinto nome,850
Dier la materia: al pari di Citeride,
Mima sfacciata di Cornelio Gallo,
Che in pubblico si trae sotto le spoglie
D’una falsa Licoride, e si vanta
Del suo dotto amator stretta ne’ lacci;855
Mentre il proprio pugnai, misero, in core




Nequa laboranti incumbant oblivia famae,
Naso refert, queruli tangens confinia Ponti?
Et qui smyrnaeis poterat contendere plectris
Valgius, ut tersi memorat pia musa Tibulli?
Musa sibi primos quae jure adsciscat honores540
Imparibus numeris, ni bianda Propertius ora
Solvat, et ambiguam faciat certamine palmam;
Plania materiam teneri dat et Hostia cantus,
Nomine supposito: ceu Galli mima Cytheris
Personam falsae lasciva Lycoridos adfert545
In scenam, et docto clausam se jactat amanti,
Dum miser ipse suo fodiat praecordia ferro.