Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il milione 119

gli albori lungi l’uno dall’altro su per la ripa della via due passi; e questo, acciochè li mercatanti e messaggi o altra gente non possa fallare la via quando vanno per cammino o per luoghi diserti; e questi albori sono1 tamanti, che bene si possono vedere dalla lunga. Or v’ho contato delle vie: or vi conterò d’altro.

LXXXV (ci)

Del vino.

Ancora sappiate che la maggiore parte del Catai beono uno cotale vino com’io vi conterò. Egli fanno una2 posgione di riso e con molte altre buone spezie, e concianla in tale maniera ch’egli è meglio da bere che nullo altro vino: egli è chiaro e bello e inebria piú tosto ch’altro vino, percioch’è molto caldo. Or lasciamo di questo, e conterovvi delle priete che ardono3 come buccia.

  1. Berl. tanto grandi.
  2. Pad. poson.
  3. Fr. come buce; Pad. come legno: si veda capitolo seguente.