Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 il milione

lo so exerzito in Vociati e Caragian, azò che i fosse vardadi e oservadi, azò che altra zente non li ofendesse. Per che el Gran Can non avea mandado ancora un so figlio come el mandò dapuò, dapuò lui fexe re Sentemur, el quale iera fiol d’uno so figlio che iera morto. Or adevene che ’l re de Mien e Bangala, el qual era possente de tere e de texoro e de zente, el qual non iera in quela volta sotoposto al Gran Can, ma dapuò puoco tempo sugiugò quelo a la so signoria, e tolseli tuti do i reami, i quali ve ò nominati de sopra. E quando questo re de Mien e Bangala sape che ’l suo exerzito iera in Vocian, el disse ch’el iera de besogno ch’elo i andasse incontra con una gran zente, che li alziderave sí fatamente ch’el Gran Can non averá ma’ piú volontade de mandar el suo exerzito in Vocian. Or questo re incontinente feze far gran apariamento, lo qual ve nareremo. Or questo aveva doamilia lionfanti, e sopra zascadun de quelli feze far uno castello de legno molto forte e ben fato per caxon de conbater, e sopra zascadun castello ierano almanco da dodexe in quindexe omeni, e aveano ben sesanta milia omeni intra da cavalo e da piè. E quando el re ave fato questa cosa, el non volse far alguna induxia, ma subito se messe con la so zente in camin per caxon d’andar con el suo exerzito sopra quel del Gran Can, el qual iera in Vocian. Or tanto cavalcò ch’el se aprossimò a tre zornade allo exerzito de tartari, e lá fexe reposar la so zente. Quando el signor de l’exerzito de tartari sape como questo re li vegnia adosso con tanta zente, molto temea, perchè el non avea tanta zente; ma incontinente, come omo valente e bon capetanio (ed era chiamato Nescradin), ordenò e amunì la so zente otimamente al fato de defenderse, se messe in via e radunò tuta la so zente da cavallo ne la pianura de Vocian. E li aspetano i suo’ nemixi che vegnisse ala bataia, perchè apresso quella pianura iera uno luogo molto grando e pian de albori. Como avete per avanti aldido, sempremai i tartari aspetano i suo’ nemixi in quella pianura. Or, essendo el re de Mien repossado alguni zorni con el suo exerzito, de lì se partino, e aprossimosse tanto ch’el prevene nela pianura de Vocian, onde ierano i tartari apariadi. Allora questo re ordenò i lionfanti con i diti castelli, e sopra quelli omeni ben armadi e molta zente da cavallo e pedoni; e ierano ordenada valentemente, perchè lo iera savio omo. E quando l’ave ordenado tuto lo so exerzito con la sua zente, el prese la via contra i suo’ nemixi. E quando li tartari vete quelli venire, i mostrò che i non avesse nesuno smarimento, e tuti se