Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il milione 165

entrare in questa provincia se non per questa istrada. Di capo di questa giornata si truova una cittá che ha nome Pauchi, molto grande e bella: e la gente è idola, e fanno ardere loro corpi morti, e sono al Gran Cane, e sono artefici e mercatanti. Molta seta hanno, e fanno molti drappi di seta e ad oro; e da vivere hanno assai. Quie non ha altro, e perciò ci partiremo e diremo di un’altra c’ha nome Gain.

CXXIII (CXLIi)

Della cittá ch’è chiamata Gain (Cayu).

Quando l’uomo si parte di Pauchi, l’uomo vae una giornata per isciloc, e trova una cittá c’ha nome Gain (Gayu), molto grande1. E sono come qua’ di sopra, salvo che v’è piue bella uccellagione: ed evvi per uno viniziano d’ariento tre fragiani. Ora vi dirò d’un’altra chiamata Figni (Tigiu).

  1. Berl. la zente dela quale adora le idole e ano pecunia de carta, e sono sotoposti al Gran Can, e viveno de mercadanzia e arte, e sono abondanza de tute vituarie, et ezian pessi infiniti e cazaxon e oselaxon in gran quantitade, e tróvase per uno grosso de Veniexia tre fasani. Or, partendose de questa zitá, se vano una zornada trovando continuamente molti castelli e campi e boschi; possa se trova una zitá chiamata (Tigiu).