Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 il milione

copritura non si può vedere altro che dipintura ad oro. Non si potrebbe contare la nobiltá di questo palagio: egli v’ha venti sale tutte pari di grandezza, e sono sí grande che bene vi mangerebbono agiatamente diecimila uomeni1, e si ha questo palagio bene mille camere. E sappiate che in questa cittá ha centosessanta [mila di] «tomani» di fumanti, cioè di case; e ciascuno tornano è dieci (mila) case fumanti: la somma si è un milione seicentomila di magioni abitanti, nelle quali ha gran palagi. E havvi una chiesa di cristiani nestorini solamente. Sappiate che2 ciascuno uomo della cittá e di borghi hae iscritto in su l’uscio lo nome suo e di sua moglie e de’ figliuoli e de’ fanti e degl’ischiavi, e quanti cavagli egli tiene: e se alcuno ne muore fa guastare lo suo nome, e se alcuno ne nasce si lo vi fa porre, sí che il signore della cittá sa tutta la gente, per novero, che èe nella cittá. E cosí si fa in tutta la provincia de li Mangi e del Cattai. Ancora v’hae un altro costume: che gli albergatori3 iscrivono in sulla porta della casa tutti gli uomini degli osti suoi, e ’l die che vi vengono; [e ’l die che se ne vanno si spengono la scrittura;] sí che il signore può sapere chi va e chi viene. E questo è bella cosa e saviamente fatta. Or v’ho detto di questo una parte: or vi vo’ contare della rendita che hae il Gran Cane di questa terra e suo distretto, ch’è4 dell’otto parti l’una de li Mangi.

  1. Pad. * e è depenta a oro molto nobelmente.
  2. Berl. i brozexi (Fr. les borzois) de quela zitade, ed ezian de tute le altre, ano tal usanza e consuetudine, che zascaduno áno scrito... dei fioli e de tuti i so’ schiavi e serve.
  3. Berl. Pad. scriveno ei nome de tuti quelli che alberga in lo ostello, e il dì e ’l mese che i èno albergati.
  4. Berl. la nona parte.