Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
180 il milione

cxxxii (cliii)

Della rendita del sale.

Or vi conterò della rendita c’hae il Gran Cane della cittá di Quisai, e delle terre e delle genti che sono sotto lei; e prima vi conterò del sale. Lo sale di questa contrada rende l’anno al Gran Cane ottanta «tomai» d’oro: ciascuno tomai èe1 ottantamila saggi d’oro,2 che monta per tutto sei milioni e quattrocentomila saggi d’oro, e ciascuno saggio d’oro vale piú di un fiorino: e quest’è maravigliosa cosa. Or vi dirò3 dell’altre cose. In questa contrada nasce e favvisi piú zucchero che in tutto l’altro mondo, e questo è ancora grandissima rendita. Ma io vi dirò di tutte ispezie insieme. Sappiate che tutte ispezierie, tutte mercatanzie rendono al re4 il terzo per cento, e del vino che fanno del riso hanne ancora grandissima rendita; e de’ carboni e di tutte le dodici arti, che sono dodicimila istazioni, n’hae ancora grandissima rendita; che di tutte cose si paga gabella: della seta5 si dá dieci per cento. Sí ch’io6 Marco Polo, c’ho veduto, e stato sono a fare la ragione, la rendita sanza il sale vale ciascuno anno dugentodieci [mila di] tomai d’oro: e questo èe il piue ismisurato novero di moneta del mondo, che monta a quindici milioni e settecentomila. E quest’è7 delle otto parti l’una della provincia. Or lasciamo istare di questa materia, e dirovvi d’una cittá c’ha nome Tapigni.

  1. Berl. setantamilia.
  2. Pad. Berl. e monta otanta tomani zinque fiade mille millia e siezento (milia) sazi d’oro; e vale... plui d’uno fiorino d’oro.
  3. Berl. de l’intrada dele marcadanzie.
  4. Yule three und a third per cent (3 e un terzo}.
  5. Pad. * della qual ghe n’è grandenisima quantitá.
  6. Pad. Berl. Marco... aldi piú volte far la suma de tute queste cose senza el sal, e aldi far rasion che...
  7. Pad. una delle nuove parte...