Pagina:Polo - Il milione, Laterza, 1912.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il milione 81


una piccola cittá che hae uno monistero che hanno piue di dugento monaci, e vestonsi piú onestamente che tutta l’altra gente. Egli fanno le loro feste le maggiori agl’idoli del mondo, cogli maggiori canti e cogli maggiori alluminari. Ancora v’ha un’altra maniera di religiosi, detti «sensin», che fanno cosí aspra vita, come io vi conterò. Egli mai non mangiano altro che crusca di grano, e fannola istare in molle nell’acqua calda un poco, e poscia [la menano] e mangianla.1 E quasi tutto l’anno digiunano, e2 molti idoli hanno, e molto istanno in orazioni, e talvolta adorano lo fuoco. E quelle altre regole dicono di costoro che sono paterini. Altra maniera v’ha di monaci, che pigliano moglie e hanno figliuoli assai; e questi vestono d’altri vestimenti che gli altri, sí che vi dico che grande differenza ha dall’una maniera all’altra sí di vita e sí di vestimenta; e di questo v’hae, che tutti loro idoli hanno nome di femmina. Or ci partiamo di qui, e conterovvi del grandissimo signore di tutti gli tarteri, cioè lo nobile Gran Cane che Coblay è chiamato.

  1. Pad. Berl. e’ zunano molte fiade, e vano vestidi de negro e de bianco... de canavazo, e zaxeno suso pani aspri e durisimi.
  2. Berl. molte grande isole.