Pagina:Pona - Monte Baldo, 1617.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DI MONTE BALDO. f i altricche nel nero alquanto roffeggia y & nelt’interno, gli nmi, & gli altriJònmbUnchiffimis fino ancora friabili rifletto a quelli del Cardamomo, difipore acre, & di grande &fiauffimo odore dotati. Gli acini afar mento fifofiegno filtra alcun picciuolo, & ordine per ogni parte fino attaccati} la doue a punto vn picciolgrappolo di Vua njergono a. fior* mare. Le fòglie, che nel racemo fi veggono in numero chfii a cadamiacino Jeruono aguifa di calice, quefle fino di me fonda lunghe, di fior ma di quelle del Melegranato, fi tùli, fibra fi, odorate, (fif algu fio alquanto mordaci} ma queste fi veggono per lo più Spuntate. rotte,percaufii del lungi?fimo viaggio, (jjf loro delicatezza-,. Il Pericarpio,,ofollicolo e gìcr mente fidato, (fiffegnato con tre falchiti non molto profondi, co* quali gli tre ordini de fimi interni fi manife fi am. Tutto il Racemo è odorato, & alquanto mordace; ma * molto più ifimi, di quello, chefi fin il c Pericarpio, b gufilo. Il colore ne racemi c diuerfì} ìmperoche in alcuni egide bianco,in altri pallido, f£) in altri rofiiccio. Ne grappoli bianchi ifimi fono perla più immaturi, ne pallidi vicini alla maturità fi cuoprouo} ma quelli, che tendono al rofficcìo perla mag fior I parte fino più odorati, (efi più perfetti degli altri. Et perchè non mancarono alcuni, che altrimenti dì quefto fhmafferò, fgfi alcuna coja ancofirlueffero, auuenneperciò, che lEccellentiffimo Signor Nicolo Marogna con firn dot ufifimi firitti così predo fio cAromatojprotegeffe. M quefia nofiraopenione fottofiri/fero f Eccellenti}}. Collegio de Medici Veneti am. Il Signor Prof ero Alpino, fifa il Signor Gafparo Bauhino} così fece il gentilijfiwo & ^uirtuofiffimo Sig. Ferrante Imperato,vno de primi Semphcìfh de noSlri tempi, al G 2 qu Sapore. Odore.