Pagina:Pontano - L'Asino e il Caronte, Carabba, 1918.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il caronte 107

spengono migliaia e migliaia di vite, sconquassano interi regni, distruggono popolose nazioni! E ci gavazzano nel sangue!... É uno scherzo per loro! una delizia! Che cosa volete di più bello e di più onorevole che portare la testa di un nemico conficcata sull’asta?

Eaco. — Non han punto mutato in meglio, gli uomini, da quando abbiamo cessato di esserlo noi!

Merc. — In una cosa sì.

Eaco. — Quale?

Merc. — Quando voi regnavate, i mariti, le mogli adultere le ripudiavano: ora le sgozzano.

Min. — Bel progresso! Ma senza domandare a Mercurio, non sappiamo anche noi che diventano ogni giorno peggiori?

Merc. — E allora passiamo oltre. S’è vista in questi giorni anche una cometa,1 la quale — siccome essi credono che sia presagio di gravissime guerre e di sconvolgimenti di regni — ha percosso tutte le menti anche con la paura dei mali futuri. E in ciò Dio Ottimo e Massimo operò giustamente, dando loro come pena del grande affaticarsi che fanno per conoscere il futuro, non solo il tormento dei mali presenti, ma anche l’ansietà e la paura dei mali che possono accadere.

Min. — Permetti una parola, Mercurio. Perchè Dio non ha voluto che l’uomo conoscesse l’avvenire? mentre tutti sono così desiderosi di conoscerlo!

Merc. — Conoscere il futuro sarebbe stato inutile agli uomini.

Min. — Come mai, inutile! Conoscendoli prima, i mali potrebbero evitarsi o almeno diminuirsi; i beni poi si godrebbero in spe anche prima che venissero...

Merc. — Ogni questione intorno agli imperscru-


  1. Parrebbe da questo che il Pont. non creda ai presagi delle Comete; nell’Urania invece...