Pagina:Postuma.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Postuma Sacchetti 110.jpg


XLVI.


IL GUADO


IDILLIO


FIUME che scendi giù dal Bolognese,
Fiume dall’acqua cristallina e cheta
O caro fiumicel del mio paese
Tu sol m’hai fatto diventar poeta:
Tra i floridi giuncheti e la cortese
Delle tue fresche rive ombra secreta,
Tra la verdura tua serrata e folta
8Ho conosciuto amor la prima volta.

     Sovra la sabbia d’ór della tua sponda
Con un fruscio gentil l’acqua fuggiva,
E là dov’è più chiara e men profonda
Noi dovevam passar sull’altra riva.
Ella cantava e la canzon gioconda
Laggiù, laggiù tra i salici moriva:
Ella era bionda, bella ed io l’amavo:
16Glielo volevo dire, e non l’osavo.